Trigliceridi e colesterolo sono tipologie separate di lipidi che circolano nel sangue. I trigliceridi immagazzinano le calorie inutilizzate e forniscono energia al nostro organismo; il colesterolo serve a costituire le cellule e alcuni ormoni. Avere il colesterolo alto non dà alcun tipo di sintomo e allo stesso tempo non causa alcun danno immediato al nostro organismo; con in passare del tempo, tuttavia, troppo colesterolo nel sangue, può portare al formarsi di placche nelle arterie e quindi all’insorgere di aterosclerosi.

colesterolo news salute

Le malattie cardiovascolari rappresentano in Italia un 45% di causa di morte. L’ictus, l’infarto, l’ipertensione arteriosa sono caratterizzate spesso da fattori che non si riescono a controllare, come la familiarità, l’età, tuttavia una grande importanza rivestono altri fattori che dipendono dallo stile di vita: scarso esercizio fisico, dipendenze da fumo o/e alcool, ipercolesterolemia, ipertensione, stress, diabete, obesità ecc.

Il livello di colesterolo totale nel sangue rimane sempre un parametro importante per la salute del nostro cuore, tuttavia la medicina moderna ci dice che il colesterolo HDL, conosciuto anche come colesterolo buono, più è alto e meglio è. La conseguenza? sempre più spesso i medici più che su come abbassare il livello totale di colesterolo, danno consigli su come poter alzare il livello del solo colesterolo HDL.

Per questo è fondamentale tenere i valori sotto controllo con la dieta ed un corretto stile di vita. La dieta può essere un valido aiuto nella riduzione non del colesterolo totale, che comprende sia le HDL che le LDL, ma in particolar modo del famigerato colesterolo cattivo. Chi ha il colesterolo alto deve fare molta attenzione a ciò che mangia e deve dunque seguire alcuni accorgimenti dietetici che sono fondamentali per ridurre o tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue.

Ecco alcuni consigli dietetici per l’ipercolesterolemia

Alimenti Vietati Permessi Quante volte in una settimana?
Latte e Yogurt latte intero, yogurt intero, yogurt alla frutta, latte condensato, panna, creme di yogurt latte parzialmente scremato e totalmente scremato,yogurt magro bianco o alla frutta (0,1% di grassi) tutti i giorni
Formaggi formaggi stagionati tipo groviera, gorgonzola, fontina, formaggini fusi, sottilette, pecorino, grana formaggi freschi tipo ricotta vaccina, mozzarella, crescenza, fiocchi di latte 1 volta.
Non più di 50-80 g per porzione
Carne carne cucinata con abbondante condimento, evitare la carne grassa (anatra, costine.) e le frattaglie (fegato, rognone, cuore) tutti i tipi di carne magra sono permessi: pollo (petto), tacchino, coniglio, vitello, manzo magro, cavallo, maiale magro (lonza o filetto) 3 volte
Salumi salame, mortadella, coppa, pancetta prosciutto crudo magro, prosciutto cotto magro, bresaola, spek magro 1-2 volte.
Non più di 50-70 g per porzione
Pesci pesci conservati sott’olio (es. tonno), moderare il consumo di molluschi e crostacei (cozze, vongole, gamberi) freschi o surgelati tipo sogliola, merluzzo, trota, dentice, orata. Tonno in scatola al naturale 2-4 volte
Uova uova fritte uova sode o alla coque o in frittata cotta senza condimento. Ricordate che l’albume è privo di colesterolo n.2 uova/settimana
Condimenti burro, lardo, strutto, margarina animale, olio di semi vari olio extravergine d’oliva, olio di semi di mais, olio di soia, olio di vinacciolo, margarine vegetali. IN MODERATE QUANTITA’ tutti i giorni
Pane e simili pane condito, fette biscottate, grissini, crackers pane comune, pane integrale, grissini all’acqua tutti i giorni
Patate patate fritte patate lessate, patate al forno, purea di patate
Legumi nessuno tutti
Pasta, Riso, Semolino o Gnocchi di patate nessuno, sono vietati solo se conditi con sughi elaborati pasta o riso o gnocchi al pomodoro o alle verdure, al ragù magro, risotto allo zafferano, pasta o riso in brodo vegetale o tipo minestrone tutti i giorni
Tortellini, Ravioli, Cannelloni ecc tutti nessuno
Verdura verdura fritta o cucinata con grassi animali tutti i tipi, cotta o cruda tutti i giorni
Frutta frutta secca tutta, in moderate quantita’: banane, uva, fichi, kaki, frutta sciroppata tutti i giorni
Bevande nessuno acqua, tè, caffè, bibite zuccherate e succhi di frutta in quantità limitata. Moderare: vino e birra tutti i giorni, concesso n.1 bicchiere di vino rosso a pasto
Zucchero, Miele, Marmellata nessuno tutti tutti i giorni, senza eccedere
Dolci, Gelati, Ghiaccioli gelati o dolci confezionati con uova o burro o panna, biscotti frollini, biscotti farciti gelati o dolci confezionati con uova o burro o panna, biscotti frollini, biscotti farciti dolci fatti in casa senza burro, uova, panna, sorbetti alla frutta. Concessi a colazione biscotti secchi Pavesini, Corn-flakes
Aceto, Limone, Aromi, Spezie, Sale nessuno TUTTI, limitare il consumo di sale da cucina
Carni e Pesci Uova Verdure Patate Primi Piatti
- alla griglia
- in umido
- lessati
- al cartoccio
- arrosto
- NO FRITTI
- alla coque
- in camicia
- sode
- in frittata cotta al forno o in padelle antiaderenti
- NO FRITTI
- lessate
- al forno
- alla griglia
- al vapore
- in umido
- NO FRITTI
- bollite
- al forno
- NO FRITTI
ASCIUTTI
- olio
- pomodoro fresco o tipo pelati
- sughi di verdure
IN BRODO
- brodo vegetale
- brodo di carne sgrassato
- tipo minestrone

Quando si parla di rischio cardiovascolare è sempre il colesterolo a fare la parte del leone, ma c’è anche un altro tipo di lipide ematico che, secondo studi recenti, costituisce altresì un importante fattore di rischio, si tratta dei trigliceridi. I trigliceridi sono un’altra forma di grasso presente nel sangue. Derivano in parte dal cibo ed in parte vengono prodotti all’interno dell’organismo e rappresentano un’importante fonte di energia per tutto l’organismo. I trigliceridi possono aumentare per predisposizione ereditaria oppure a causa di una dieta ricca di grassi e di alcool.

Un elevato valore di trigliceridi si associa ad un aumento del rischio di malattie ateroscelotiche. Spesso un aumento dei trigliceridi si accompagna ad un aumento del colesterolo LDL. Il valore della trigliceridemia è rilevabile con un semplice esame del sangue; i valori sono influenzati dalla dieta, dal sesso, dall’età e dalla metodica adottata nell’esecuzione dell’esame. Nel caso si riscontrino valori superiori a 200mg/ml si parla di ipertrigliceridemia. Quando i loro livelli diventano più elevati del normale, allora è necessario intervenire con la dieta ideale per controllare i livelli dei trigliceridi all’interno del nostro organismo.

Alimenti Permessi Non Permessi
Latte e derivati Il latte da preferire è quello parzialmente scremato ( 150 g).Yogurt magri o bianchi o alla frutta. Formaggi: latticini freschi e non fermentati: robiola, crescenza, fiocchi di latte, belgioioso, mozzarella, ricotta di vaccina. Latte, yogurt interi, crema di latte, panna. Formaggi molto grassi o piccanti, formaggi erborinati, le creme spalmabili, sottilette, formaggini.
Pane e sostituti Pane bianco, integrale, fette biscottate. Pane molto elaborato, focaccia schiacciata, pane condito, pane confezionato, pan carré , grissini, crakers.
Minestre e primi piatti Pasta o riso ( conditi con olio, pomodoro fresco e con verdure). Zuppe di verdura e/o legumi. Zuppe di legumi misti. Polenta, gnocchi di patate. Pasta all’uovo, pasta farcita, lasagne, cannelloni, ravioli conditi con sughi di carne molto elaborati e besciamella. Minestre con brodi grassi di carne, minestre con dado, creme di verdure e minestre confezionate.
Carne e pesce
Le parti più magre di vitello, manzo, coniglio, tacchino, maiale, pollo, agnello. Pesce fresco o surgelato, pesce azzurro. Consumare:
- 1 volta la settimana carne rossa
- 3 volte la settimana carne bianca
- 4 volte la settimana pesce magro
Le parti grasse della carne, la pelle del pollame, le carni di anatra, oca, piccione, cacciagione. Pesci grassi: anguilla, capitone, salmone. Molluschi,crostacei. Carni e pesci affumicati, conservati sott’olio, fritti, sughi di carne, sughi confezionati. Interiora di animali: fegato, rognone, animelle..
Salumi e insaccati La parte magra del prosciutto crudo, il prosciutto cotto sgrassato, bresaola, speck magro, salumi magri sgrassati. Le parti grasse dei salumi, gli insaccati: salame, mortadella. Cotechino, zampone.
Uova Consumare: 1 volta la settimana.
Verdure Tutti i tipi sia cruda che cotta, variando la qualità e scegliendo prodotti di stagione. Consumare: almeno due porzioni al giorno.
Condimenti Olio extra vergine d’oliva, preferibilmente usato a crudo. 40 gr per uomo , 30 gr per donna.
Burro, strutto, margarina, dado, salse, maionese.
Dolciumi Zucchero, zucchero di canna, miele, marmellata. Biscotti secchi tipo “Marie”, dolci secchi tipo casalingo. Gelati. Consumare: con moderazione.
Frutta Tutti i tipi di frutta fresca. Frutta secca, frutta oleosa. Consumare: due porzioni al giorno. Limitare: banane, fichi, cachi, uva candita, frutta sciroppata.
Bevande Acqua, the e caffé leggeri, caffé d’orzo, tisane , camomilla. Succhi di frutta senza zucchero: consumare con moderazione. Vino bianco o rosso media gradazione:1 bicchiere al giorno. Bibite gassate e zuccherate. Succhi di frutta zuccherati. Vino ad alta gradazione alcolica. Superalcolici in genere, aperitivi, cocktails.